Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso


Chi siamo

Amistà nasce il 2 maggio 2014, per volontà di un gruppo di cinque ragazzi (Barbara Gasperini, Chiara Pellegrino, Marco Villa, Paola Ravaschio, Valeria Fusco), che hanno condiviso l'esperienza di Servizio Civile Nazionale presso il Comune di Genova. Il progetto "Porte aperte sui saperi", che li ha visti impegnati presso biblioteche e musei cittadini, si poneva l'obiettivo di favorire l'accesso, la conoscenza e la fruizione del patrimonio culturale genovese con particolare attenzione a quelle categorie di pubblico che per difficoltà di tipo motorio, sensoriale o psichico o per situazioni di deprivazione economico/culturale potessero avere minori occasioni di partecipazione alla vita culturale cittadina.

               I cinque ragazzi di Amistà

Al fine di non disperdere le abilità acquisite e l'amicizia che li ha profondamente legati, Barbara, Chiara, Marco, Paola e Valeria decidono di fondare l'Associazione, attraverso la forma che maggiormente guarda al sociale (Associazione di Promozione Sociale), mettendo a disposizione anche le proprie capacità personali pregresse.
La scelta del nome ricade sul termine, ricercato ma ormai poco usato, di Amistà che sembra descrivere a perfezione lo spirito che anima il gruppo: la parola, infatti, racchiude in sé i significati di solidarietà, calore umano, reciproca fratellanza, armonia, comprensione, dimestichezza, affiatamento, confidenza, complicità, affinità, sintonia.

La scelta della data ricade sul giorno in cui i cinque hanno iniziato il loro percorso di Servizio Civile Nazionale, esperienza decisiva e determinante, al punto che gli obiettivi di Amistà rispecchiano in gran parte quelli del progetto che li ha visti coinvolti.

Foto firma statuto vicepresidente di Amistà

L'Associazione si propone di realizzare attività socio-culturali, aggregative, educativo-formative, informative e divulgative al fine di promuovere lo sviluppo sociale e culturale della città, diffondendo e affermando valori etici quali la centralità della persona, l'integrazione, la responsabilità, la solidarietà, la partecipazione, l'equità e i diritti, la qualità in un'ottica di cittadinanza attiva e in sinergia con le diverse realtà territoriali. (laboratori didattici, incontri, conferenze, tavole rotonde, convegni, congressi, dibattiti, visite guidate, seminari, conversazioni in lingua).

SOCI FONDATORI

Barbara Gasperini, Chiara Pellegrino, Marco Villa, Paola Ravaschio, Valeria Fusco

DIRETTIVO ATTUALE DELL'ASSOCIAZIONE (2018-2021)

Presidente, Valeria Fusco

Vicepresidente, Marco Villa

Tesoriere, Paola Ravaschio

Segretario, Enrico Bernardini

Consigliere, Roberta Pugliese